http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_fs_2021gk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_DBOIgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOPgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XIIIgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

Antichi Organi della Provincia di Parma

di Francesco Baroni, Federico Lorenzani, Andrea Carmeli

Il territorio della provincia di Parma, che oltre alla diocesi omonima, comprende anche la diocesi di Fidenza ed i territori dell’alta Val Taro e Val Ceno, che fanno parte della diocesi di Piacenza, ospita oltre 100 organi storici. Questi strumenti sono stati oggetto di una campagna di schedatura e di ricognizione fotografica a cura di Francesco Baroni, Federico Lorenzani e Andrea Carmeli. Oltre agli organi presenti nelle chiese cattoliche, sono stati censiti anche strumenti presso dimore o enti privati (organo seicentesco del Conservatorio di Musica di Parma, cappella della villa Paveri-Santucci-Dalla Rosa di Collecchio, Teatro Regio di Parma) o di altre confessioni (tempio metodista di Parma). Grazie ad analisi approfondite ed alla consultazione di documenti d’archivio inediti è stato anche possibile risalire alla paternità di un consistente nucleo di strumenti sei-settecenteschi. Gli organi superstiti testimoniano la presenza di diversi artefici di altissimo livello che hanno operato nel territorio nel corso dei secoli. In primis i membri di una importante scuola organaria locale, già attiva dal Seicento a cui si affiancano nell’ultima parte del XVIII sec. i celebri capolavori serassiani della Reggia di Colorno e del Duomo di Parma, senza contare quelli dei ferraresi Cavalletti. L’Ottocento vede poi il progressivo affermarsi di organari di scuola lombarda. Il risultato di questo censimento è ora confluito in una pubblicazione denominata “Antichi Organi della Provincia di Parma”, interamente a colori, di c.ca 350 pagine. Il libro è arricchito da un corposo quadro storico che delinea i caratteri peculiari della scuola organaria parmense e si chiude con una agile sintesi degli spostamenti di strumenti nel corso dei secoli.

Leggi tutto...

 

La riforma dell'organo classico. Tra contesto generale e dinamiche territoriali

di Giosuè Berbenni

Inquadriamo la complessa analisi della riforma dell’organo classico italiano, dal 1874, partendo da due riferimenti: • di carattere generale, con linee guida di pensiero che hanno stimolato e accompagnato la riforma, riguardanti diversi aspetti: storico-sociale, economicoindustriale, culturale-musicale, liturgico-temporale, ecclesiasticonormativo, organario-stilistico, organistico-esecutivo e didatticoformativo; • di carattere particolare, attinenti alle dinamiche territoriali bergamasche, con 4 articolate documentazioni: ‒ la lettera pastorale (1863) del vescovo P. L. Speranza nel massimo della fioritura dell’organo ottocentesco e, a distanza di quarantadue anni nel pieno sviluppo della riforma, i due regolamenti (1905, 1906) del vescovo G. M. Radini Tedeschi. Questi documenti hanno per oggetto la musica della liturgia nelle parrocchie, in particolare l’utilizzo degli organi; ‒ l’analisi delle articolate risposte di 647 parroci-rettori parrocchie, tratte dai due Questionari (del 1858 con 307 risposte su 348 parrocchie e del 1905 con 340 risposte su 352) inviati rispettivamente prima delle visite pastorali con argomentazioni sull’organo, sul suo utilizzo, sugli organisti, sulla retribuzione e sul canto popolare religioso; ‒ i regesti di tali risposte sono nell’allegato CD; la relazione Riforma in senso liturgico degli organi classici di Guglielmo Mattioli (1857-1924), conosciuta anche col titolo Per la riforma degli organi Serassiani, al I° Congresso Lombardo di Musica Sacra del 1907 svoltosi a Bergamo; tale relazione è presa a riferimento dai riformisti; ‒ la rinascenza dell’organo classico con gli sviluppi territoriali. Emerge che la riforma ha assunto sin dai primi anni del proprio avvento connotati territoriali, talvolta complessi e contrastanti. Le novità sono notevoli e diverse da quelle proposte dagli studi pubblicati. Si nota che: • la riforma dell’organo classico venne calata dall’alto; • gli organisti parrocchiali e i parroci erano contenti dell’organo classico presente nelle loro chiese; • nelle parrocchie ci si comportava in maniera consona al buon senso, al contegno religioso, ben diff uso negli organisti e nei parroci; • gli organisti parrocchiali, per lo più dilettanti, assunti dalle fabbricerie con il consenso dei parroci, utilizzavano l’organo in modo ragionevole, al di là di qualche opportuna lamentela; • gli organi non avevano bisogno di alcuna modifi ca per essere ‘liturgici’, perché lo erano di per sé già fin dal loro nascere; • l’esecuzione della musica ‘liturgica’ riusciva anche sugli organi detti ‘non liturgici’ per la sola colpa di essere antichi! Un libro che apre nuovi orizzonti di ricerca. C’è futuro solo se ci portiamo sulle spalle il passato!

Leggi tutto...

 

Gli organari Foglia da Palazzolo Sull'Oglio

di Vito Rumi

Questo studio, frutto di un lungo lavoro di ricerca archivistica e bibliografica, costituisce un primotentativo di ricostruzione della vita e delle opere degli organari Foglia (i fratelli Gaetano e Prospero, che impararono l’arte presso i celebri Serassi di Bergamo e i fi gli di Prospero, Giovanni e Innocente), attivi tra la seconda metà dell’Ottocento e il primo quarto del Novecento, la cui famiglia proviene da Palazzolo sull’Oglio. Benché figure di secondo piano rispetto ai grandi organari del tempo, la loro importanza non deve essere sottovalutata: ne sono testimonianza i circa 170 lavori ad oggi noti che il lettore troverà commentati lungo il testo e riportati cronologicamente in appendice, insieme ad una serie di documenti in gran parte inediti. L’organaro più originale della famiglia fu senz’altro Innocente, il quale verso la fine del XIX secolo emigrò in America Latina, continuando in Perù l’arte appresa dal padre e a cui viene dedicata una consistente sezione del libro.

Leggi tutto...

 

 

 GIOVEDI' 16 settembre, ore 21.00
Suzzara (MN)
Chiesa parrocchiale Immacolata Concezione

In collaborazione con il Comune di Suzzara
Concerto per soprano ed organo
Silvia Lorenzi, soprano
Fabio Nava, Organo
Musiche di Donizzetti, rossini e Verdi

 

 VENERDÌ 17 settembre, ore 21.00
Alba
Santuario di N.S. della Moretta
Corso Langhe, 106

Presentazione del libro
"Organi della diocesi di Alba"
a cura di Adriano Giacometto
Intervengono:
Mons. Marco Brunetti, vescovo di Alba
Silvia Gallarato, direttore UDB
Tino Cornaglia, presidente di Banca d’Aba
Federico Lorenzani, Associazione Serassi

 

 DOMENICA 19 settembre, ore 18.00
Colorno (PR)
Cappella Ducale di San Liborio

Festival Serassi
"Pescetti, Valerj e la musica italiana tra Barocco, Stile Galante e Classicismo"
Paolo Bottini, organo

 

 DOMENICA 19 settembre, ore 19.00
Torrechiara di Langhirano (PR)
Badia Santa Maria della Neve Monastero Benedettino
strada Della Badia

In collaborazione con il Comune di Langhirano
"La natura dell'anima"
Eleonora Rossi, soprano
Silvia Felisetti, attrice
Andrea Chinaglia, organo
Muische di Vivladi, Bach, Verdi

 

 

Per rimanere aggiornato sulle iniziative dell'Associazione, iscriviti alla newsletter inviando una e-mail a info@serassi.it
oppure consultando la nostra pagina Facebook
o Instagram
Per altri contatti clicca QUI!

 

Ultime pubblicazioni

LXXIII. La riforma dell'organo classico. Tra contesto generale e dinamiche territoriali
LXXIV. Antichi Organi della Provincia di Parma
LXXII. Gli organari Foglia da Palazzolo Sull'Oglio
LXX. Filippo Piccaluga (Genova, 1719-1779). Profilo di un organaro ligure del Settecento nel III centenario della nascita 1719-2019

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.
Edizione Dicembre 2020

 

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.