http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_fs_2022gk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_DBOIgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOPgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XIVgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

Organi storici dell'antica Diocesi di Guastalla

A cura di Andrea Carmeli - Marco Ferrarini - Federico Lorenzani

L’associazione culturale “Giuseppe Serassi” di Guastalla, oltre all’organizzazione della rassegna musicale “Musica intorno al fiume”, cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti del ricco patrimonio di organi storici conservati nelle chiese del nostro territorio attraverso concerti, incisioni discografiche e pubblicazioni. "Antichi organi dell’antica diocesi di Guastalla" è il titolo di una pubblicazione riguardante il censimento e catalogazione degli organi storici a canne dell’antica Diocesi di Guastalla, realizzato su inedite fonti documentarie. Anche se comprende solo una porzione dell’attuale diocesi di Reggio Emilia – Guastalla, rappresenta il primo passo per una inventariazione completa di tutti gli strumenti presenti sul territorio provinciale. La presente ricerca sul patrimonio organario dell’antica Diocesi di Guastalla, si prefigge lo scopo di esaminare il valore artistico e storico degli organi conservati negli edifici di culto locali: un patrimonio ancora poco conosciuto e scarsamente valorizzato. Inoltre la pubblicazione intende sensibilizzare le comunità parrocchiali sulla necessità di doverosi restauri e di una opportuna conservazione di questi beni. Premessa indispensabile per salvaguardare e restaurare gli antichi organi è naturalmente la loro catalogazione e descrizione, per impedire da un lato le manomissioni ma anche, attraverso lo studio comparato di diversi strumenti, il ripristino fedele di eventuali componenti irrimediabilmente deteriorate o mancanti. Eloquente il fatto che solo pochissime guide storico-artistiche delle nostre chiese, ad esempio, inseriscono una sintetica descrizione dell’organo a fianco della relazione delle opere in esse contenute: questo è significativo di una mentalità che per decenni non ha considerato gli organi storici, al pari di dipinti o sculture, delle autentiche opere d’arte. Il volume comprende anche articoli inediti di studiosi italiani riguardanti gli organi locali. Il libro è stato curato da Andrea Carmeli, Marco Ferrarini, Federico Lorenzani con articoli di vari studiosi tra cui Giuliano Bagnoli e Eugenio Bartoli. Le fotografie sono a cura di Fausto Franzosi. Il libro è stato realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna.

 

La casa organaria Rotelli-Varesi di Cremona

a cura di Antonio Disingrini

Rodolfo Renier (Treviso, 1857 - Torino, 1915), filosofo, studioso, docente universitario e importante esponente della "Scuola Storica Italiana" sosteneva la fondamentale necessità dell'esame dei documenti, del materiale di archivio e di biblioteca, finalizzati alla ricerca per una migliore ricostruzione storica. Ouesta è la line sostanziale seguita nella predisposizione del libro " la Casa Organaria Rotelli - Varesi - Documenti inediti, ovvero: Ricerca, Analisi, Interpretazione, Organizzazione e Regesto, dei documenti che l'erede Rotelli- Varesi, la signora Giuseppina Cecilia Varesi, con grande gentilezza, ha reso disponibili alla pubblicazione. L'Archivio Rotelli - Varesi si presenta così: con 1450 documenti trascritti, oltre 100 fotografie di familia e degli organi realizzati dalla Ditta cremonese, il tutto corredato da schede descrittive e notizie storiche, per un arco temporale di oltre ottant' anni di attività. Il cofanetto contenente un volume di presentazione ed un CD è l'omaggio che l'Autore e i preziosi Collaboratori alla realizzazione dell'opera, fanno a questa Casa Organaria, famosissima e ampiamente lodata ai suoi tempi e poi finita nell'oblio della storia. Un recupero meritato.

Leggi tutto...

 

LXXVII. L’organo Carlo Prati 1679 del Santuario della Madonna della Neve in Vercana

di Giovanna Aulisio, Ilic Colzani, Maurizio Isabella e Rita Pellegrini

L’organo costruito nel 1679 da Carlo Prati per il Santuario della Madonna della Neve di Vercana (CO) è uno degli esempi conservatosi pressoché integro. L’abbandono totale da oltre 70 anni ha evitato interventi arbitrari o di modifica/ampliamento che ne avrebbero snaturato l’originaria conformazione. Spostato dalla sua sede originaria dall’organaro Caccia a seguito dell’ampliamento della chiesa è stato oggetto di sole opere di manutenzione ordinaria salvo la sostituzione della pedaliera. La pubblicazione prende in esame le vicende, a tutto tondo, del Santuario in cui è contenuto lo strumento. Attraverso un’approfondita consultazione degli archivi è stato possibile raccogliere una gran mole di documentazione legate sia alle vicende del monumento, sia a quelle dello strumento. Non è stato reperito il contratto originale con Carlo Prati ma l’elenco delle spese occorse permette di delineare un quadro assai completo dell’intera operazione legata alla costruzione dell’organo. Vengono poi descritte in dettaglio le principali scelte operate nel corso del restauro appena concluso. Oltre ai consueti e noti interventi (per i quali non si è ritenuta necessaria una approfondita disamina) sono invece emersi interessanti spunti per gli interventi sul materiale fonico (pressoché integro), sul recupero di verosimili corista e temperamento nonché analisi dei paramenti di intonazione. Vengono inoltre descritti gli interventi alla cassa intagliata. La raccolta di una serie di dati tecnici ha permesso una descrizione delle principali caratteristiche legate alle scelte progettuali del materiale fonico.

Leggi tutto...

 

 

 DOMENICA 4 DICEMBRE, ore 16.30

Brugneto di Reggiolo (RE)
Santuario della Madonna dello Spino
via Guastalla
Concerto per tromba ed organo
Franco Capiluppi, tromba
Alessandro Meneghello, organo
Musiche di Clarke, Haendel, Pasquini, Purcell

 

 DOMENICA 11 DICEMBRE, ore 16.00

Torre Dè Picenardi (CR)
Chiesa di S. Lorenzo Martire
via Martini
Concerto di Natale
Coro Adorno
Luigi Pagliarini, direttore

 

 DOMENICA 18 DICEMBRE, ore 16.30

Guastalla (RE)
Duomo
piazza Mazzini
In collaborazione con il Comune di Guastalla
Concerto di Natale
Ilaria Menardi, clarinetto
Stefania Giacomuzzi, fagotto
Lorenzo Marzona, organo

 

 DOMENICA 18 DICEMBRE, ore 18.00

Mezzano Superiore (PR)
Chiesa di S. Michele A.
via Matteotti
Rassegna "Antichi organi della provincia di Parma"
In collaborazione con il Comune di Sorbolo Mezzani

Concerto di Natale
Coro Livia d’Arco di Mantova
Antonella Antonioli, Maestro del coro
Orchestra “Niji-Oficina Machiavelli”
Michelangelo Rossi, Direttore

 

 

Per rimanere aggiornato sulle iniziative dell'Associazione, iscriviti alla newsletter inviando una e-mail a info@serassi.it
oppure consultando la nostra pagina Facebook
o Instagram
Per altri contatti clicca QUI!

 

Ultime pubblicazioni

LXXVII. L’organo Carlo Prati 1679 del Santuario della Madonna della Neve in Vercana
LXXV. L'organo dalle origini ellenistiche alla fine del XIII secolo - Studio storico e archeologico
Correr l’alea: l’improvvisazione organistica nella pratica musicale del Duomo di Milano tra il 1688 e il 1924
Arte Organaria Italiana XIV-2022

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, per i soci, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il PDF.
Edizione Luglio 2022

 

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.