http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_fs_2020gk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XII_launchgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_cantantibus_organigk-is-88.jpglink
«
»

Musica intorno al Fiume - XIII edizione

Lo scorso anno la Rassegna ha visto la nostra Associazione portare in tutta Italia la “cultura dell’organo”, intesa come conoscenza, tecnica della costruzione, restauro, conservazione e rispetto del Re degli strumenti. Ciò è avvenuto con concerti su strumenti storici, presentazioni di libri, registrazione di CD e studi accurati, tecnico-archivistici, che hanno portato nuova luce su strumenti in abbandono o dimenticati. Tutto questo è stato reso possibile, nonostante la perdurante crisi finanziaria, per l’interessamento di tanti che amano l’organo e credono nel valore assolutamente indiscutibile ed universale della cultura. Sollecitati da tanti nostri associati e nella convinzione che non vi sia alcun’altra realtà così nobilitante l’uomo come il sapere e la conoscenza, ci siamo posti in cammino per l’organizzazione della nuova e ricca Rassegna 2015. La stagione 2015 propone come novità la presenza di tre concerti per pianoforte: uno nella sede della nostra associazione per valorizzare lo splendido strumento che ci è stato donato appartenuto alla prof.ssa Clara Bonini e due in collaborazione con Parmalirica presso la loro sala. E’ un modo per ampliare il nostro bacino di utenza coinvolgendo gli appassionati di musica pianistica, portando il nostro “messaggio” anche dove non sia presente l’organo, che rimane comunque il protagonista del nostro lavoro.

 

Assieme ai numerosi concerti, che ci accompagneranno nel corso dell’anno, si dipaneranno altre attività collaterali che, di fatto, costituiscono il valore aggiunto della nostra Associazione. Non è sufficiente esibire concerti e momenti musicali per definirsi “associazione culturale musicale”, ma si deve entrare nel merito della cultura musicale a 360 gradi, perseguendo tutti quegli argomenti che costituiscono la base della cultura musicale stessa. Per questo ricordiamo, con orgoglio, per maggio l’uscita del 7° volume della Rivista d’Arte Organaria Italiana, resa possibile dai numerosi studiosi che ci hanno affidato i loro studi organologici, dagli sponsor e dal sempre crescente riscontro di lettori abbonati alla rivista. Anche i libri della Collana d’Arte Organaria, che verranno pubblicata quest’anno, saranno circa una decina. Dai nuovi titoli della collana, dei quali daremo notizia via via durante la loro pubblicazione, emergono studi su organi di tutt’Italia: si parlerà dell’organo Cavazzani di San Zeno (TN), del grandioso organo Amati di San Nazzaro di Brescia, dell’organo Cavalli di Tribbiano (MI) e tanti altri. La collaborazione con la Diocesi di Mantova vedrà la pubblicazione di 3 libri distinti, rispettivamente sull’organo Tito Tonoli di Castel Goffredo, il Lingiardi di Suzzara, appena restaurato, e una monografia, in due lingue, sull’antico organo Antegnati della Cappella Ducale di Santa Barbara a Mantova. Oltre ai due testi sulle importanti famiglie di organari Pantanella (Roma) e dei Cioccolani (Marche), il prof. Berbenni presenterà la sua importante monografia dedicata ai Bossi. Ma il fiore all’occhiello della nostra attività è sempre l’affollatissima Rassegna Musicale, punto d’incontro dei nostri amici e di tanti che scoprono, forse per la prima volta, il piacere della musica organistica. Ciò che unisce i tanti amanti della musica, è la condivisione di un momento unico nel quale il flusso vorticoso o delicato delle note, riesce a donare sensazioni e serenità altrimenti inavvertibili. Il potere delle sette note, variamente collocate sul pentagramma, ha la capacità di ristorare l’animo, di suggerire bei pensieri, di vedere al positivo l’esperienza della vita, di armonizzare l’uomo nella sua realtà esistenziale. Siamo certi che anche quest’anno riusciremo a regalare alla collettività quel plus valore che realizza la felicità e la serenità del cuore, cioè la magia della musica.


            Consiglio direttivo dell’Associazione culturale “Giuseppe Serassi”

 

 

SCARICA IL PROGRAMMA

 

L'Associazione Serassi comunica che, in seguito alla normativa vigente, sono SOSPESI tutti i concerti fino al 24 novembre.

Le limitazioni imposte dal nuovo DPCM sono un duro colpo per tutto il mondo della musica, della cultura e anche per la nostra Associazione, che ha investito risorse ed energie per riprendere le attività dopo lo stop primaverile, collaborando con tutte le categorie di settore.

Per rimanere aggiornato sulle iniziative dell'Associazione, iscriviti alla newsletter inviando una e-mail a info@serassi.it
oppure consultando la nostra pagina Facebook
o Instagram
Per altri contatti clicca QUI!

Ultime pubblicazioni

Mi voglia bene... - Lorenzo Perosi nei documenti dell’archivio del Conte Francesco Lurani Cernuschi con brani inediti
I manoscritti dell'Abbazia di Montecassino - Musiche di scuola napoletana per organo, cembalo e pianoforte del Sette-Ottocento
"Regole per accompagnare il basso del Sig. Giuseppe Dol"
LXIX. Pietro Nachini. Vita, opere e criteri costruttivi di uno dei maggiori organari di ogni tempo

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.

 

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.