http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02_bossigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2018gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

XXVI. La dinastia organaria dei De Simone

a cura di
Antonio Filipponio

 

 

 

 

 

La dinastia organaria dei De Simone, documentata dal 1695 al 1877, ha svolto la propria attività per ben 173 anni nel territorio della provincia di Bari. I loro strumenti, ascrivibili ai tòpoi della tradizione napoletana, presentano alcune interessanti ed uniche caratteristiche. Lo studio si propone, dopo una panoramica generale sulla società ed un riferimento alle presenze organarie sul territorio barese del XVIII secolo, di seguire i vari componenti della famiglia De Simone seguendo ogni singolo artifex per collocarlo nel proprio tessuto sociale, religioso ed economico. Il lavoro è corredato da un’ampia documentazione archivistica e da schede esplicative sia sui rapporti di parentela dei vari artefici e sia sulla loro specifica produzione. Segue un’interessante catalogo, corredato da immagini e schede descrittive degli strumenti ancora esistenti. Le caratteristiche generali della produzione De Simone sono analizzate con perizia e ci consegnano un quadro delle consuetudini e differenze stilistiche nelle numerose opere. Un importante contributo è stato offerto da Maurizio Isabella a cui fa riferimento l’appendice relativo alle segnature delle canne di due generazioni dei De Simone.

The organ-building dynasty of the De Simone, recorded from 1695 to 1877, had worked for about 173 years, around the city of Bari. Their instruments, which remind the Neapolitan tradition, have some interesting features. The research wants: to analyse the social background, giving importance to other organ builders of the same region (Bari, XVIII century); to follow each member of the De Simone family and to position every single work in its social, religious or economic context. The study is followed by a wide archived documentation and by some explanatory forms. The forms deal with the kinship and the works in details. There is also an interesting card catalogue with images and details about the still existing organs. The general features of the De Simone’s works are analysed with skill. Thanks to them, it is possible to underline some stylistic habits and differences in the numerous works. Maurizio Isabella (as it is possible to find in the index) gave a large contribution: he studied the pipe marks belonging to two generations of the De Simones.

Collana d’arte organaria – XXVI, 2014,
cm. 16.5x23.5, pp. 1-120.
ISBN 978-88-989580-2-3.
Euro 25,00

Ultime pubblicazioni

LXIII. Francesco Tessicini e l'organo della Madonna dei Monti in Roma, ora nella Pieve di San Giorgio a Domegge di Cadore
LXI. Due sorprendenti racconti di arte organaria a Firenze
LIX. L'organo Luigi Amati (1806) di San Michele Arcangelo, Belgioioso (Pavia)
LVIII. Adeodato Bossi-Urbani maestro organaro in San Pedretto

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.