http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_fs_2021gk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_DBOIgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOPgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XIIIgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

L'organo Maineri-Acerbis della chiesa di S. Sigismondo di Cremona

a cura di
Antonio Disingrini

 

 

 

 

 

E’ stato spontaneo, iniziare il libro dedicato all’organo di S. Sigismondo, con quest’attribuzione. Normalmente il termine “nobile” ha vari e tutt’altri, utilizzi. Nei tempi passati, in Italia, si utilizzava per indicare persone o casate di alto lignaggio. Oggi, per esteso, si può attribuire alla musica, all’architettura, alla poesia, alla pittura. A ragione, vale molto, per indicare la positività di un cuore, di un pensiero, di un sentimento. E’ corretto, allora, attribuire il termine “nobile” a uno strumento a canne? Per l’organo monumentale di S. Sigismondo di Cremona senz’altro lo è, per qualche piccola ragione. La prima la vediamo sulla cimasa, dove si trova lo stemma del Ducato di Milano, che ne tenne il patrocinio. La seconda è la cassa monumentale, progettata e disegnata da Bernardino Campi, uno dei massimi (e artisticamente più nobili) pittori manieristi cremonesi del Sedicesimo secolo. La terza è l’organo, lo strumento di Maineri non esiste più, è stato ricostruito nel 1860 da Acerbis, ma è rimasta l’alta nobiltà del suono rinascimentale, attraverso le antiche canne, un vero gioiello sonoro. La quarta è il lungo percorso storico, passato (sotto l’assorta sorveglianza dei due telamoni), attraverso oltre i due secoli di liturgia Gerolamina, altrettanti “vivendo” con stuoli di “rumorosi” bambini con le loro famiglie, cresciuti nella fede dai sacerdoti secolari, per ritornare alla preghiera delle Monache Domenicane. Credo, che il bellissimo organo Maineri – Acerbis (1567-1860), possa davvero essere un “Organo Nobile”.

It has been quite natural to start the book dedicated to the organ of San Sigismondo with this statement. Usually the term “noble” is utilized in different contexts. In the past, in Italy, it was used to indicate people or families from the aristocracy. At present, by extension, it can be attributed to music, architecture, poetry, and painting. Quite rightly this could be for good hart, positive mindset, or feelings. It this also correct for a pipe organ? For the monumental organ of San Sigismondo it certainly is, for a few good reasons. The first one is for the top of the casing, with the arms of the Duchy of Milan, who sponsored it. The second one is the monumental casing, designed by Bernardino Campi, one of the most notable painters from Cremona in 16th century. The third one is the organ, thus the one by Maineri has been rebuilt in 1860 by Acerbis, the noble sound from the surviving original renaissance pipes still exists. The fourth one is the long path, with two centuries of liturgy fi rstly under the monks, then to the secular clergy and now back again to the nuns. I believe that the wonderful Maineri – Acerbis (1567-1860) organ could be named as a “Noble Organ”.

cm. 17x24, pp. 1-156 a colori
ISBN: 978-88-989584-2-9
Euro 25,00

Ultime pubblicazioni

LXXIII. La riforma dell'organo classico. Tra contesto generale e dinamiche territoriali
LXXIV. Antichi Organi della Provincia di Parma
LXXII. Gli organari Foglia da Palazzolo Sull'Oglio
LXX. Filippo Piccaluga (Genova, 1719-1779). Profilo di un organaro ligure del Settecento nel III centenario della nascita 1719-2019

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.
Edizione Dicembre 2020