http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2019gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XI_v2gk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_cantantibus_organigk-is-88.jpglink
«
»

La diocesi di Concordia-Pordenone

a cura del
Coro Polifonico di Ruda

 

 

 

 

 

Con i 2 ponderosi volumi di Andrea Guerra e Fabio Metz dedicati alla Diocesi di Concordia-Pordenone, prosegue l’impegno intrapreso dal Coro Polifonico di Ruda nella catalogazione degli organi a canne custoditi nelle chiese del Friuli Venezia Giulia, sconfinando in questa occasione nel territorio delle province di Venezia e Treviso. In 147 schede risultano censiti 125 strumenti, più 4 appartenenti a privati. Ogni scheda è suddivisa in una parte storico-critica, comprendente anche la trascrizione dei documenti, e in una tecnico-descrittiva, che, per gli organi realizzati indicativamente fino al 1900, si rifà profondamente alla scheda di catalogo SMO, tuttavia riproponendo in forma meno schematica le numerose e articolate voci. Non manca un adeguato apparato fotografico a corredo con oltre 600 immagini. Dall’impegnativo lavoro di ricerca delle fonti (aggiornata e assai corposa risulta anche la bibliografia) e sul campo a ispezionare gli strumenti e a rilevare dati, emerge un patrimonio organario di significativo interesse: benché non particolarmente ricco di strumenti antichi, tuttavia alcuni di questi assumono una rilevanza straordinaria, come il cinquecentesco organo di Vincenzo Colombi a Valvasone, o quello settecentesco di Giacinto Pescetti a Polcenigo, senza dimenticare, solo per citare i più celebri, i nomi di Nachini, Callido, De Lorenzi e, in particolare, dei Bazzani, di cui proprio nel pordenonese si ritrovano le origini della famiglia e si conservano 6 strumenti. Non pochi sono gli organi recenti e di pregio, in gran parte realizzati dai friulani Zanin, i quali, iniziando nella prima metà dell’Ottocento con il capostipite Valentino, hanno fornito metà degli organi alle chiese diocesane fino ai giorni nostri.

cm 17x24,
Doppio volume di 796+836 pagg.
ISBN 9788898958559
Euro 80,00

Ultime pubblicazioni

La diocesi di Concordia-Pordenone
La santità dell'organista
LXV. Cantantibus Organis. Mons. Luigi Salamina e l'Arte Organaria
LXIV. Premiato Stabilimento d’Organi Inzoli Cav. Pacifico Crema (Lombardia) Lettere (II)

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.