http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2019gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XI_v2gk-is-88.pnglink
«
»

LX. L'organo Giuseppe II Serassi del Duomo di Guastalla

a cura di
Federico Lorenzani
Andrea Carmeli

 

 

 

 

La pubblicazione prende in esame la corposa documentazione relativa alla storia degli organi del Duomo di Guastalla. L’indagine condotta da Federico Lorenzani e Andrea Carmeli prende inizio attorno al 1585 con la costruzione del primo strumento, attribuito al celebre Vincenzo Colonna; si tratta di un organo di 12 piedi con una tastiera enarmonica. Parte del prezioso canneggio è stata recuperata nel successivo rifacimento di Giuseppe II Serassi del 1792-94 ed è pervenuto sino a noi in eccezionali condizioni di integrità. Anche altre parti antiche dell’organo sono giunte a noi perfettamente intatte, ad esempio lo strumento conserva le uniche tastiere originali del Settecento con accoppiamento a cassetto. Tra i documenti pubblicati si ricordano i metodi di registrazione di Bonatti (unico esistente) e di Serassi, oltre ad un cospicuo carteggio di ben 20 lettere inedite tra Giuseppe Serassi e il Capitolo di Guastalla. La pubblicazione contiene inoltre un’analisi delle segnature da parte di Maurizio Isabella e una dettagliata relazione di restauro, con un ricco apparato iconografico dei restauri effettuati da Mascioni nel 1978 e nel 2018. Ad Adriano Giacometto si deve un corposo ed inedito studio relativo alle caratteristiche degli organi serassiani a due tastiere settecenteschi. Completano il volume una analisi condotta da Francesca Benevelli sulle diverse collocazioni dello strumento all’interno del Duomo ed una relazione sul restauro della magnifica cassa in muratura, un unicum nel suo genere, condotto da Ilenia Nicoli.

The publication analyses the large number of documents related to the history of the organs of the Duomo di Guastalla, conducted by Federico Lorenzani and Andrea Carmeli. It all begins around 1585 with the building of the first organ, probably by the famous Vincenzo Colonna. Part of this original pipework has been reused in the latter rebuilding by Giuseppe Bonatti in 1726-27 and in the present two manuals instrument by Giuseppe II Serassi in 1792-94, which has made it to the present day in exceptional original conditions. Among the documents hereby published, the registration methods by Bonatti (the only known one by him) and by Serassi, as well as an interesting correspondence made of 20 letters by Giuseppe Serassi to the clergy of Guastalla. The publication contains also an analysis of the pipework by Maurizio Isabella and a detailed report over the 1978 and 2018 restorations by Mascioni, with an impressive photo gallery taken in both occasions. Moreover, a comprehensive essay by Adriano Giacometto traces down the peculiarities of the two manual instruments made by Serassi in 18th century. The publication is then completed by an analysis made by Francesca Benevelli about the different position of the organ over the centuries and by a report overe the restoration of the magnifi cent case, conducted by Ilenia Nicoli.

Collana d’arte organaria - LX, 2018
cm 17x24 - pp. 1-240
ISBN 9788898958528
Euro 25,00

Ultime pubblicazioni

LXIV. Premiato Stabilimento d’Organi Inzoli Cav. Pacifico Crema (Lombardia) Lettere (II)
Arte Organaria Italiana XI-2019
LXII. Antico organo "Gianfrè-Chiesa 1836"
LIII. I Bossi

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.