http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02_bossigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2018gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

XLVIII. Wilhelm Hertelmann 1573 di S. Martino a Castrezzone. Un organo tedesco nel rinascimento bresciano

a cura di
Michele Metelli
Maurizio Isabella
Claudio Bonizzi

 

 

 

 

Nel 1573 l’organaro di origine germanica Guglielmo del Duca (alias Wilhelm Hertelmann) erige due organi di gusto nordico per la chiesa del convento di S. Marta a Brescia. Nel 1581 l’artista, probabilmente nativo di Heidelberg, perde la vita durante un intervento ai due manufatti, poi concluso dal figlio Andreas.Nei due secoli successivi diversi organari, fra cui Graziadio III Antegnati, compiono modifiche e riparazioni allo strumento di minore dimensione.Dopo la soppressione del monastero e la vendita all’incanto di beni ed arredi avvenuta in epoca napoleonica, nel 1805 l’organo “piccolo” viene trasferito da Zaccaria Respini nella chiesa di S. Martino a Castrezzone di Muscoline (BS), dove, pur con alcune alterazioni, si è conservato fino ai giorni nostri. Fra il 2013 ed il 2015 l’organo Hertelmann è stato sottoposto a restauro da parte della ditta Inzoli Cav. Pacifico di Ombriano di Crema (CR), sotto la direzione del Servizio Tutela Organi del Segretariato Regionale della Lombardia del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

In 1573, the German organ builder Guglielmo del Duca (alias Wilhelm Hertelmann), installed two instruments in the northern European style for the church in the S. Marta monastery in Brescia. In 1581 this builder, probably from Heidelberg, lost is life whilst working at these two organs and the work was completed by his son Andreas. In the following two centuries, many organ builders, including Graziadio III Antegnati, made repairs and modifications to the smaller of the two instruments.  After the closing of the monastery and the subsequent auction sale of its properties during the Napoleonic era, in 1805 the smaller organ was transferred by Zaccaria Respini in the church of S. Martino in Castrezzone di Muscoline (BS), where, thus with some alterations, it remained till the present time. Between 2013 and 2015, this Hertelmann organ has been restored by the firm Inzoli Cav. Pacifico di Ombriano di Crema (CR), under the supervision of the Servizio Tutela Organi del Segretariato Regionale della Lombardia del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Collana d'arte organaria - XLVIII, 2017
cm. 17x24, pp.1-150, a colori
ISBN 9788898958672
Euro 25,00

 

Ultime pubblicazioni

LXIII. Francesco Tessicini e l'organo della Madonna dei Monti in Roma, ora nella Pieve di San Giorgio a Domegge di Cadore
LXI. Due sorprendenti racconti di arte organaria a Firenze
LIX. L'organo Luigi Amati (1806) di San Michele Arcangelo, Belgioioso (Pavia)
LVIII. Adeodato Bossi-Urbani maestro organaro in San Pedretto

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.