http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02_bossigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2018gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

VIII. Il monumentale organo Montesanti (1799) - Tonoli (1861) di Poggio Rusco

a cura di
Andrea Carmeli
Federico Lorenzani

 

 

 

 

Luigi e Ferdinando Montesanti costruiscono tra il 1797 e il 1799 un monumentale organo “doppio” di 12’ per la chiesa Parrocchiale di Poggio Rusco (MN). I geniali artefici mantovani, proposero un quadro fonico particolarmente variegato e personale, diverso da quanto praticato solitamente dagli organari lombardi del tempo. Altro elemento eccezionale sono la descrizione e i consigli di registrazione scritti dal compositore e organista Giambattista Merighi (1774-1829) che offrono una testimonianza unica su come venisse “trattato” questo particolare strumento. Nel 1861 l’organo venne ricostruito da Giovanni Tonoli, che conservò tuttavia la quasi totalità del materiale fonico precedente. L’organo, dopo i danni subiti dal terremoto del 2012, è ora ritornato in piena efficienza, grazie al restauro di Silvio Micheli. Con l’occasione sono anche stati finalmente ripristinati i registri ad alta pressione (Trombe 16’ e Tromboni al pedale), inseriti dall’organaro bresciano. La pubblicazione contiene la storia e la documentazione relativa alle vicende dello strumento, assieme alla relazione di restauro, con un capitolo dedicato proprio ai registri a “vento sforzato”.

Luigi e Ferdinando Montesanti between 1797 and 1799 built a magnificent “double” organ of 12’,for the parish church of Poggio Rusco (MN). The ingenious builders form Mantova proposed a stops layout particularly large and differentiated if compared to the common scheme of the time adopted in Lombardy. Another exceptional element is the description and method of registration written by the organist and composer Giambattista Merighi (1774-1829) that offer a unique demonstration on how this particular instrument had been used. In 1861 the organ was rebuilt by Giovanni Tonoli who reutilized all the previous pipework. The instrument, after the damages of the 2102 earthquake has now been fully resotred by Silvio Micheli. On  the occasion the two high pressure reed stops (Trombe 16’ e Tromboni al pedale) inserted by Tonoli have finally been reinstated. The publication contains the history of the organ and the related documentation as well as the details of the restoration, with a special section dedicated to the “high pressure” stops.

Collana Antichi organi mantovani – VIII, 2016
cm. 16.5x23.5, pp. 1-112 a colori
ISBN 9788898958269
Euro 25,00

 

Ultime pubblicazioni

LXIII. Francesco Tessicini e l'organo della Madonna dei Monti in Roma, ora nella Pieve di San Giorgio a Domegge di Cadore
LXI. Due sorprendenti racconti di arte organaria a Firenze
LIX. L'organo Luigi Amati (1806) di San Michele Arcangelo, Belgioioso (Pavia)
LVIII. Adeodato Bossi-Urbani maestro organaro in San Pedretto

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.