http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2019gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XII_launchgk-is-88.pnglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_cantantibus_organigk-is-88.jpglink
«
»

LXVIII. L'organo di Gerolamo Carrera a Castello Cabiaglio

a cura di
Diego Rossi

testi di
Diego Rossi
Maurizio Isabella
Francesco Maria Peron
Luigi Soroldoni

 

 

L’organo di Castello Cabiaglio (VA) venne costruito da Gerolamo Carrera di Legnano (MI) nel 1834/35. Ha subito un solo intervento significativo pochi anni dopo la costruzione da opera di Giacomo Mascioni per l’inserimento dei primi 4 cromatici. Per il resto lo strumento si è conservato pressoché integro in ogni sua parte. La pubblicazione, edita in occasione del restauro dell’organo e della cassa, ripercorre le vicende organarie a partire dal Seicento, attraverso la documentazione d’archivio. Vi è pure un capitolo dedicato alla storia della chiesa di Sant’Appiano. Il testo prosegue con la descrizione dello strumento attuale, delle operazioni di restauro su progetto di Maurizio Isabella e delle analisi tecniche e stilistiche condotte durante i lavori. Il tutto corredato da rilievi del materiale fonico, delle segnature nonché dell’inquadramento dell’autore all’interno della cultura organaria lombarda con qualche accenno alle possibili botteghe di provenienza, mediate dall’operato dello zio Giovanni Maria Carrera. Viene poi proposta una lettura della cassa e delle complesse operazioni di ripristino e restauro della stessa e della tenda di quaresima originale. Il tutto è corredato da una dettagliata documentazione fotografi ca inerente le operazioni di restauro sia dello strumento, sia della cassa. I restauri sono stati condotti da: Mascioni Organi di Azzio (VA) per l’organo, Francesco Maria Peron per la cassa e la tenda mentre Luigi Soroldoni ha curato il progetto diagnostico.

 

The organ of Castello Cabiaglio (VA) had been built by Gerolamo Carrera from Legnano (MI) in 1834/35. Apart for a relatively minor alteration by Giacomo Mascioni for the insertion of the first four chromatic keys, the organ has remained virtually in its original state. The publication issued in the occasion of the restoration of the organ and its casing draws down the history of the organ from the XVII century with the aid of the archival documents. There is also a chapter regarding the history of the Sant’Appiano church. The book contains the description of the present instrument, the report over the restoration based on guidelines by Maurizio Isabella and some technical and stylistic analysis. There is also a section with the pipework dimensional measurements and an overview of the contemporary local organ building with some hypothesis over the workshops where the author, via his uncle Giovanni Maria Carrera could have had his apprenticeship on organ building. The publication contains also a report of the restoration of the casing and a detailed photo gallery over the whole project. The restoration of the organ has been performed by Mascioni Organi from Azzio (VA), the casing and the Lenten curtain. by Francesco Maria Peron and Luigi Soroldoni has done the diagnostic project.

Collana d’arte organaria - LXVIII, 2020
16.5x23.5 cm pp. 1-164.

ISBN 9788898958504
Euro 25,00

Ultime pubblicazioni

Mi voglia bene... - Lorenzo Perosi nei documenti dell’archivio del Conte Francesco Lurani Cernuschi con brani inediti
I manoscritti dell'Abbazia di Montecassino - Musiche di scuola napoletana per organo, cembalo e pianoforte del Sette-Ottocento
"Regole per accompagnare il basso del Sig. Giuseppe Dol"
LXIX. Pietro Nachini. Vita, opere e criteri costruttivi di uno dei maggiori organari di ogni tempo

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.