http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_festival_serassi_2018gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_5x1000gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.banner_AOI_XI_v2gk-is-88.pnglink
«
»

L'organo Giuseppe II Serassi del Duomo di Guastalla

a cura di Federico Lorenzani e Andrea Carmeli

La pubblicazione prende in esame la corposa documentazione relativa alla storia degli organi del Duomo di Guastalla. L’indagine condotta da Federico Lorenzani e Andrea Carmeli prende inizio attorno al 1585 con la costruzione del primo strumento, attribuito al celebre Vincenzo Colonna; si tratta di un organo di 12 piedi con una tastiera enarmonica. Parte del prezioso canneggio è stata recuperata nel successivo rifacimento di Giuseppe Bonatti del 1792-94 ed è pervenuto sino a noi in eccezionali condizioni di integrità. Anche altre parti antiche dell’organo sono giunte a noi perfettamente intatte, ad esempio lo strumento conserva le uniche tastiere originali del Settecento con accoppiamento a cassetto. Tra i documenti pubblicati si ricordano i metodi di registrazione di Bonatti (unico esistente) e di Serassi, oltre ad un cospicuo carteggio di ben 20 lettere inedite tra Giuseppe Serassi e il Capitolo di Guastalla. La pubblicazione contiene inoltre un’analisi delle segnature da parte di Maurizio Isabella e una dettagliata relazione di restauro, con un ricco apparato iconografico dei restauri effettuati da Mascioni nel 1978 e nel 2018. Ad Adriano Giacometto si deve un corposo ed inedito studio relativo alle caratteristiche degli organi serassiani a due tastiere settecenteschi. Completano il volume una analisi condotta da Francesca Benevelli sulle diverse collocazioni dello strumento all’interno del Duomo ed una relazione sul restauro della magnifica cassa in muratura, un unicum nel suo genere, condotto da Ilenia Nicoli.

Leggi tutto...

 Lunedì 24 giugno, ore 21:00
Marcaria (MN), Chiesa di S. Giovanni Battista, via Crispi
In collaborazione e con il patrocinio del Comune di Marcaria
Coro Giaches de Wert e
Coro Sant’Anselmo di Lucca
Francesca Canova, direttore
Paola Turcato, organo

Jubilate! Canti di gioia, riflessione, preghiera nei secoli
Musiche di Bach, Händel, Mozart, Saint Saens

 Venerdì 28 giugno, ore 21:00
Casalpò, Poviglio (RE), Chiesa di SS. Crisanto e Daria, via Chiesa
In collaborazione con il Comune di Poviglio
Coro Livia d’Arco di Mantova
Antonella Antonioli, soprano e pianoforte
Roberto Fabiano, flauto e direzione
Musiche di J. Arcadelt, J. Desprez, W. A. Mozart, P. Mascagni

 Sabato 29 giugno, ore 21:00
Corniglio (PR), Chiesa SS. Maria Annunziata, SP 13
In collaborazione con il Comune di Corniglio
Antonio Lubiani, violino
Sara Dieci, organo
Musiche di Verdi, Vivaldi, Geminiani, Corelli

 Mercoledì 10 luglio, ore 21:00
Cognento, Campagnola Emilia (RE),
Chiesa di S. Giacomo Maggiore,
Via Parrocchia a Cognento

In collaborazione con il Comune
di Campagnola Emilia

Federico Perotti, organo
Carlotta Colombo, soprano
Musiche di Monteverdi,Grandi, Frescobaldi, G. Gabrieli








Per rimanere aggiornato sulle iniziative dell'Associazione, iscriviti alla newsletter inviando una e-mail a info@serassi.it
Per altri contatti clicca QUI!

Ultime pubblicazioni

Arte Organaria Italiana XI-2019
LXII. Antico organo "Gianfrè-Chiesa 1836"
LIII. I Bossi
LX. L'organo Giuseppe II Serassi del Duomo di Guastalla

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.

 

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.