http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02_bossigk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.03_festivalgk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.cofanetto_serassigk-is-88.jpglink
«
»

Johann Simon Mayr (1763-1845) L’ORGANO dall’organo ellenistico a quello medievale

A cura di Giosué Berbenni

LI - 2017 cm 16.5x23.5

ISBN 9788898958702

Euro 25,00

 

Johann Simon Mayr (1763-1845) L’ORGANO dall’organo ellenistico a quello medievale


Organo ellenistico-medioevale

Il noto musicista bavarese-bergamasco Giovanni Simone Mayr (1763-1845), nel manoscritto L’organo, databile verso il 1820, tratta di argomenti assai interessanti: 1. L’origine mitologica degli antenati dell’organo e i primordi dell’analisi dei principi del suo funzionamento. 2. La problematica sottesa alla produzione e all’ impiego dell’energia propulsiva generante i due modelli idraulico e pneumatico. 3. L’alternarsi delle vicende storiche e le fortune reciproche degli stessi prototipi. 4. La venuta in Occidente (dal mondo greco-bizantino) della loro consuetudine. 5. Il problema dell’uso dello strumento nelle chiese. 6. La paternità individuale dei vari aspetti dell’eccellenza tecnico-costruttiva nonché esecutiva. 7. L’appartenenza nazionale del primato delle stesse. 8. I perfezionamenti alla stabilità del modello pneumatico definitivo, dentro e fuori l’ambiente monastico d’elezione. 9. Una finale ricapitolazione sommaria della sua evoluzione tecnica alle soglie della rinascenza. Nella disamina, ricorrono nomi di grandi figure: imperatori e re; papi, ve scovi, abati e monaci; scienziati, storici e poeti, uniti da un sottile filo conduttore di simbolismi e di stravaganze, tipico del Medioevo, che il Nostro porta sempre nell’ ambito della ragione, con sollecitazioni di ordine politico-diplomatico, scientifico-matematico, filosofico-simbolico, religioso-sociale.


The Hellenistic-medieval organ The well-known Bavarian-Italian musician Giovanni Simone Mayr (1763-1845), in the manuscript “The organ”, written around 1820, reports about some very interesting topics: 1. The mythological origin of the organ ancestors and the very beginning of the analysis regarding its functioning. 2. The problems related to the production and use of the necessary power, coming from two different sources: pneumatic and hydraulic. 3. The history and alternative fortunes of these prototypes. 4. The introduction and adoption into the West (from the Greek - Byzantine world). 5. The problems related to its usage in churches. 6. The individual paternity of the various aspects of the excellence in building and playing. 7. Their national ownership. 8. The improvements to the supply stability in the defi nitive pneumatic model, inside and outside the initial monastic environment. 9. A fi nal summary of the technical evolution of the organ till the renaissance era. The analysis make reference to some important historical characters: emperors and kings, popes, bishops, abbots and monks, scientists, historians and poets, all connected by a thin common string of symbolism and extravaganza, typical of the middle age, that Mayr always reconduct to the rational area, with infl uences coming from politics, diplomacy, science, mats, philosophy, religion and society.

DOMENICA 22 APRILE, ore 18.30
San Giovanni della Fossa di Novellara, chiesa parrocchiale Via della Chiesa
Voci e mani bianche colorano l'arcobaleno delle emozioni
Coro Voci e mani bianche dell'Istituto "Figlie della Provvidenza" di Carpi (MO)

Francesca Galeotti, organo
Cecilia de Cesare, maestro del coro
Sara Fornaciari, soprano e direttore

SABATO 5 MAGGIO, ore 17.00
Piacenza

Salone Monumentale, Bibioteca Passerini-Landi, Via Carducci 14
Presentazione del libro
I Bossi. La dinastia e il catalogo. La presenza a Piacenza
a cura di Giosuè Berbenni

VENERDI 11 MAGGIO, ore 19,00
 
Torre Annunziata (NA)
Arciconfraternita di S. Maria del Suffragio
Piazza Pace
Presentazione del Saggio:
Gli organisti municipali del sec. XIX in servizio presso le principali chiese di Torre Annunziata
a cura di Lino De Gregorio

Intervengono:
Padre Paolo Saturno
docente di Storia ed estetica musicale al Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno
Lino De Gregorio, autore del libro
Federico Lorenzani , presidente dell’Ass. Giuseppe Serassi
Vincenzo Marasco, storico e responsabile dell’Archivio Storico della Basilica “Maria SS. della Neve”
Mons. Raffaele Russo, parroco Rettore della Basilica
Vincenzo Ascione, sindaco di Torre Annunziatachiesa parrocchiale Via della Chiesa

DOMENICA 13 MAGGIO, ore 21.00
Quattro Castella (RE)
Chiesa parrocchiale arcipretale di Sant’Antonino martire
Via Marconi 5
In collaborazione con il Comune di Quattrocastella
Eleonora Rossi, soprano
Simone Quaroni, organo
“Tra il Sacro e il Profano”

SABATO 19 MAGGIO, ore 15.00
Lodi
Auditorium dell’Ass. Musicale “Franchino Gaffurio” Via Solferino, 20
ore 15.00
Presentazione della rivista
Arte Organaria Italiana, volume X del 2018
ore 16.30

Chiesa dell’Incoronata
Visita all’organo cinquecentesco
con possibilità di suonare l’organo a cura di Michelangelo Lapolla

 

 




Ultime pubblicazioni

Giovanni Maria Pelazza da Carmagnola, organista e compositore a Romano Canavese e nel mondo
L. Renato Lunelli pioniere dell' organaria italiana
Gli organisti municipali del secolo XIX in servizio presso le principali chiese di Torre Annunziata
L'organo portativo nell’Estasi di Santa Cecilia di Raffaello

Catalogo dei volumi editi

Disponibile il catalogo di tutti i volumi pubblicati dall'Associazione Serassi, in lingua italiana e inglese. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf.

 

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.