http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.01gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/serassi banner1trisgk-is-88.jpglink
«
»

Musica intorno al Fiume - XV edizione

Si tratta di un innegabile traguardo quello dei 15 anni di attività per una associazione culturale nel cui statuto è ben chiara l’assenza dei “fini di lucro”. Nessuno di noi del Consiglio e nessuno dei Soci Fondatori può dire di avere intascato alcunché; tutti possiamo dire, invece, di aver speso anche di tasca propria per poter far progredire questo meraviglioso “meccanismo culturale” che è la nostra Associazione.

Lo testimoniano i traguardi raggiunti: i concerti dal sempre alto profilo musicale, le pubblicazioni librarie, sempre ineccepibili nei contenuti e nella grafica accattivante, il valore culturale internazionale della Rivista d’Arte Organaria, unica nel suo genere, il merito di aver salvaguardato numerosi organi nella loro sopravvivenza  nel deterioramento temporale.

 

Merito eccelso va ai nostri collaboratori, cioè le Provincie, i Comuni, le Diocesi, le Parrocchie, le Aziende ed i gruppi di cittadini, privati e non, che hanno creduto in noi nell’affidarci le loro attese e proposte intellettuali e culturali. Nel ringraziare la Comunità Parrocchiale di San Rocco di Boretto, che ci ospita, confermiamo che proseguono i concerti sul pianoforte Petrof, ricordo di Clara Bonini, nella “sala di musica” della sede dell’Associazione,dedicata ad Alberto Frizzi.

Il nostro organo inglese August Gern, presente nell’abside della Chiesa di San Rocco, sarà valorizzato quest’anno con l’esecuzione dei Concerti di G.F.Haendel per archi e organo op. 4: esecuzione rara e poco approcciabile se non in determinate condizioni logistiche e strumentali.

Tra i primi appuntamenti, il 26 marzo sarà presentato a Castrezzone (Bs) un libro dedicato ad uno dei più antichi organi italiani, costruiti nel rinascimento, ad opera di un organaro tedesco. Altro punto saliente dell’annata, sarà l’evento culturale del 27 maggio, a Cremona, per la presentazione del numero IX della Rivista d’Arte Organaria: un “monumentale” volume che arricchirà il panorama organologico internazionale.

 Il 15 settembre, a Reggio Emilia, sarà il momento della presentazione di un libro dedicato a Marco Enrico Bossi, il più grande organista italiano tra Otto e Novecento, presente la famiglia Bossi e uno degli esperti curatori, il M° Andrea Macinanti, che si cimenterà poi all’organo, con musiche del compositore.

Sempre con l’interposizione di concerti strumentali e d’organo, proseguirà l’annata culturale con la presentazione di un interessante e insolito libro sull’organo in epoca tardo-gotica a cura del prof. Berbenni. Dello stesso autore, verso la fine dell’anno, vedrà la luce un’altra opera monumentale in due volumi sugli organari Bossi, sviluppando lo studio della famiglia organaria dal Cinquecento a tutt’oggi: la più antica bottega organaria d’Italia.

Vi attendiamo numerosi anche quest’anno, giacché Voi, cari amici, quali “persone di cultura” sceglierete la qualità, la sostanza e la raffinatezza degli eventi. Il nostro stile non è il clamore dei giornali e l’invadenza dei mass media, ma lo studio e la ricerca, l’operosità silenziosa per lasciare un segno tangibile e duraturo nella cultura.

Vi chiediamo anche di farVi promotori dei nostri valori, che anche Voi condividete, invitando altre persone, curiose come Voi, affinché la cultura possa veramente trovare la diffusione che merita.

Grazie di cuore a tutti Voi!

 

Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale “Giuseppe Serassi”

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.