http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.01gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/serassi banner1trisgk-is-88.jpglink
«
»

Sentiranno laggiù come si suona l’organo. Il fondo epistolare di Marco Enrico Bossi e la collezione di autografi bossiani del Conservatorio di Milano

a cura di Raffaele Deluca

con una cronologia dell’attività concertistica di Marco Enrico Bossi di Andrea Macinanti

prefazione di Paola Bossi

Leggi tutto...
 

L'organo di Santa Chiara in Casalmaggiore; storia e restauro

autori vari con saggio di Oscar Mischiati

 

Leggi tutto...
 

Prove di esame manoscritte per la licenza di teoria, solfeggio e dettato musicale

 

a cura di Enrico Perrini

Leggi tutto...
 

Pagina 13 di 13

<< Inizio < Prec 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Succ > Fine >>

Prossimi Concerti

 

  •  DOMENICA 3 SETTEMBRE, ORE 17.00 Concerto "Amor sacro e amor profano" presso la chiesa di S. Andrea di Campagnola Emilia (RE)
  • VENERDì 15 SETTEMBRE, ORE 21.00 Concerto in onore della Santa Croce presso la chiesa di S. Agostino, piazzetta Sergio Pignedoli, Reggio Emilia. Presentazione del libro biografico su Marco Enrico Bossi "Sentiranno laggiù come si suona l'organo"
  • DOMENICA 17 SETTEMBRE Galleria Alberoni (PC), via Emilia Parmense 67

           ore 16.00: visita guidata speciale in occasione del Giubileo della Misericordia

           ore 18.00: concerto pianistico presso la Sala degli Arazzi, musiche di Liszt e Chopin

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.