http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.01gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banner.02gk-is-88.jpglink
http://www.serassi.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/serassi banner1trisgk-is-88.jpglink
«
»

Presentazione rivista Arte organaria italiana VII - 2015

Sabato 9 maggio, ore 16,00

Crema (CR), piazzetta Winifred De’ Gregori 5 C

Sala Pietro da Cemmo

Inaugurazione del museo dell'Arte organaria

Presentazione della rivista Arte organaria italiana VII - 2015

Intervengono; Maurizio Isabella, Andrea Carmeli, Federico Lorenzani, Marco Fracassi

 

arte organaria italiana

 

Nuovo libro sul Lingiardi di Suzzara (MN)

Il grandioso organo della chiesa parrocchiale di Suzzara è stato costruito dai F.lli Lingiardi nel 1857.  Lo strumento sostituì un organo settecentesco dei Bonatti; l’organo rimaneggiato pesantemente all’inizio del XX secolo è stato riportato alle condizioni originali grazie ad un lungo restauro condotto da Silvio Micheli. L’organo di dimensioni notevoli ha un numero consistente di registri in parte posizionati nella Cassa Armonica. L’organo di Suzzara, di cui Luigi Lingiardi dedica un capitolo nel suo celebre diario, è il primo a possedere un particolare Tremolo posizionato sul pavimento all’interno dell’organo. Compare poi il registro delle Voci umane composto da canne ad ancia con somiere proprio alloggiato in posizione elevata sul fondo della cassa.
 
 
Il libro è stato curato da Federico Lorenzani ed è il 7° volume della collana Antichi organi mantovani edita in collaborazione con la Diocesi di Mantova

 

 

 

 

Musica intorno al Fiume - XIII edizione

Lo scorso anno la Rassegna ha visto la nostra Associazione portare in tutta Italia la “cultura dell’organo”, intesa come conoscenza, tecnica della costruzione, restauro, conservazione e rispetto del Re degli strumenti. Ciò è avvenuto con concerti su strumenti storici, presentazioni di libri, registrazione di CD e studi accurati, tecnico-archivistici, che hanno portato nuova luce su strumenti in abbandono o dimenticati. Tutto questo è stato reso possibile, nonostante la perdurante crisi finanziaria, per l’interessamento di tanti che amano l’organo e credono nel valore assolutamente indiscutibile ed universale della cultura. Sollecitati da tanti nostri associati e nella convinzione che non vi sia alcun’altra realtà così nobilitante l’uomo come il sapere e la conoscenza, ci siamo posti in cammino per l’organizzazione della nuova e ricca Rassegna 2015. La stagione 2015 propone come novità la presenza di tre concerti per pianoforte: uno nella sede della nostra associazione per valorizzare lo splendido strumento che ci è stato donato appartenuto alla prof.ssa Clara Bonini e due in collaborazione con Parmalirica presso la loro sala. E’ un modo per ampliare il nostro bacino di utenza coinvolgendo gli appassionati di musica pianistica, portando il nostro “messaggio” anche dove non sia presente l’organo, che rimane comunque il protagonista del nostro lavoro.

Leggi tutto...
 

Presentazione del libro dedicato all'organo di Giuseppe Verdi

 

Parma, Ridotto del Teatro Regio

venerdì 23 ottobre 2015, ore 17.00, ingresso libero

«L’ORGANO CH’IO SUONAI FANCIULLO»

in collaborazione con Festival Verdi

Presentazione del volume L’organo di Giuseppe Verdi a Roncole

Con la partecipazione di Federico Lorenzani, Paolo Giorgi, Daniele M. Giani, Giosuè Berbenni

Il rapporto tra Giuseppe Verdi e il "principe degli strumenti" è il tema de «L’organo ch’io suonai fanciullo»: l’organo di Giuseppe Verdi a Roncole; il volume, pubblicato dall’Associazione "Giuseppe Serassi" di Guastalla, che raccoglie quattro contributi scaturiti dall’occasione del recente restauro dello strumento della chiesa parrocchiale di Roncole. Proprio su quei tasti - costruiti nel 1797 dai Bossi, ditta di organari bergamaschi - Verdi giovanissimo imparò i rudimenti della musica.
Un viaggio attraverso le origini del Maestro, la storia della ditta Bossi, gli interventi di restauro, le modalità di utilizzo dell’organo nelle partiture operistiche di Verdi.

vedi anche www.organigiani.com

 

Presentazione nuova Sede sociale dell’Associazione Culturale “Giuseppe Serassi”

presso la

Chiesa Parrocchiale di San Rocco di Boretto, 9 novembre 2014, ore 16,00

 

  • Finalmente una nuova sede dopo oltre due anni dal terremoto, che ci ha privato della sede di Guastalla, in Palazzo Frassati.
  • Quale è l’attività dell’Associazione? Valorizzare gli organi a canne, il loro restauro, ma anche la musica sacra e profana, il tutto con il patrocinio del Ministero per i Beni e le attività Culturali, le ex-Provincie, le Curie Vescovili ed i Comuni del territorio. Sono stati organizzati, in 12 anni di attività, oltre 300 concerti (rassegna Musica Intorno al Fiume), pubblicati oltre 50 libri, prodotti oltre 20 cd, organizzato convegni a Guastalla (RE), Colorno (PR), Padova, Roma, Catania, Cagliari, Bari. L’associazione è diventata punto di riferimento nazionale dell’attività organaria mediante la pubblicazione della Rivista d’Arte Organaria Italiana, quest’anno giunta al 6° volume, potendo contare sulla collaborazioni di eminenti studiosi di storia e arte organaria di rilievo internazionale.
Leggi tutto...
 

Pagina 3 di 12

<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ > Fine >>

L'associazione Giuseppe Serassi

L’Associazione culturale Giuseppe Serassi è nata nel 2002 con lo scopo di valorizzare gli antichi organi a canne e la musica antica in genere. E’ nata così la rassegna musicale “Musica intorno al fiume”. Oltre alla rassegna l’Associazione Serassi vanta una ricca produzione culturale di pubblicazioni (articoli, saggi, libri, riviste specialistiche) sugli organi storici o di carattere musicologico nonché incisioni discografiche di organi restaurati.
Inoltre negli anni ha fatto conoscere il patrimonio organario locale attraverso visite guidate agli strumenti antichi, lezioni – concerto, relazioni ai convegni e mostre fotografiche.